27 Set 2021

IT.A.CÀ sbarca in Ogliastra per raccontare una delle provincie meno inquinate d’Europa

Scritto da: Redazione

Dallo scorso 24 settembre e fino al 3 ottobre IT.A.CÀ, il festival itinerante di turismo responsabile fa tappa in Ogliastra. Italia Che Cambia è media partner del festival e con il presidente Paolo Cignini sarà presente in Sardegna, partecipando agli incontri e documentando tutti gli eventi che il ricco programma prevede.

Ogliastra, Sardegna - Da quest’anno è entrata a pieno titolo nella rete di IT.A.CÀ anche la Sardegna, con la sua tappa in Ogliastra: una regione tra le meno battute, nella parte orientale dell’Isola, ma con panorami e territori submontani da mozzare il fiato, per ricordare che il turismo di un’isola non si esaurisce con il mare. 

Fino al 30 settembre e dall’1 al 3 di ottobre, sarà possibile percorrere sul mitico Trenino Verde alcune delle località meno conosciute della zona ogliastrina, partecipare alla creazione del ‘Coccoi Prena’, tipico piatto della tradizione, e anche visitare l’Osservatorio Astronomico ‘F.Caliumi’ per guardare il cielo ogliastrino da uno dei luoghi con meno inquinamento luminoso. Un calendario di eventi fatti a misura di viaggiatore curioso e rispettoso, pronto a perdersi tra i profumi dell’Isola.

3 Inseguendo lOgliastra Trenino Verde

Saranno due i comuni ogliastrini che ospiteranno la prima tappa sarda del festival: Lanusei e Jerzu apriranno le loro porte a tutti quei viaggiatori che al turismo di massa preferiscono la lentezza del rispetto e della conoscenza profonda delle comunità ospitanti.

L’edizione di quest’anno è interamente dedicata al Diritto di respirare: laddove l’emergenza sanitaria in corso ha ribadito ancora una volta la necessità di preservare il pianeta, il festival risponde con una serie di iniziative volte alla scoperta di luoghi da poter “respirare”, di cui l’entroterra orientale è ricco. L’Ogliastra infatti, è tra le province meno inquinate d’Europa: qui il 100% della produzione energetica è verde e le emissioni di CO2 sono le più basse di tutta l’isola.

Vorresti leggere più contenuti come questo? 

Articoli come quello che hai appena letto sono gratuiti e aperti, perché crediamo che tutti abbiano il diritto di rimanere informati. Per questo abbiamo scelto di non nascondere i nostri contenuti dietro paywall, né di accettare contributi da partiti o aziende compromesse. Per continuare a farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Fai la tua parte, aiutaci a costruire un’informazione sempre più approfondita.

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un'informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

La Tappa Ogliastra di IT.A.CA’ è articolata in due settimane alla fine del mese di settembre, prevede lo svolgimento di numerose attività finalizzate a valorizzare il patrimonio storico, artistico, culturale e naturalistico della terra dei centenari. Collaborano alla riuscita del festival i diversi attori del territorio che già si occupano di turismo responsabile, di sviluppo sostenibile, di interculturalità, di accessibilità, di innovazione sociale, di cultura, di creatività e di comunicazione.

18 Longevita in Ogliastra e sostenibilita ambientale

Il tema di IT.A.CÀ 2021, “Diritto di respirare”, insegna che in un mondo che va sempre più veloce, in cui bisogna ricordarsi di essere umani, la cosa più rivoluzionaria che si possa fare è anche la più semplice e umana di tutte: respirare. Per questo le attività del festival sono tutte improntate alla riscoperta del modo di vivere della terra dei centenari: attività all’aria aperta e laboratori gastronomici faranno conoscere il meglio di ciò che l’Ogliastra ha da offrire, mentre conferenze e mostre saranno l’occasione di discutere e riflettere sui temi più caldi del festival.

La parte sarda del festival è iniziata venerdì 24 settembre presso l’Aula Consiliare del Comune di Lanusei con la conferenza di apertura “Benvenuti a IT.A.CÀ Ogliastra” e proseguirà per i due fine settimana successivi, fino a domenica 3 ottobre. Qui tutti i dettagli del programma.

Vuoi cambiare la situazione
del viaggiare in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
Scuola: un nuovo significato all'ora di religione

Al via la seconda edizione di “Valorizziamo l’esistente”, una ProFesta a Mombello di Torino

La sharing economy per combattere il consumo di suolo

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Famiglie Arcobaleno: Leonardo e Francesco, storia di due papà – Amore Che Cambia #28

|

Nasce il libro che racconta gli ecovillaggi italiani: uno strumento per cambiare vita

|

Emerging Communities: scopriamo insieme i progetti virtuosi dell’Europa che cambia

|

A House is a Home: il progetto di “re-housing” per persone senza fissa dimora

|

Bice Parodi: “Ciò che gridavamo al G8 è ciò per cui dobbiamo combattere ancora oggi” – #1

|

Il Piccolo Festival della Microfinanza, perché il denaro crei ricchezza per le comunità

|

La disabilità non è un atto eroico, io racconto prima di tutto le persone