16 Set 2021

Sicani Creative Festival: il futuro che nasce fra i borghi e le tradizioni della Sicilia

Elisa e Selena, della redazione siciliana di Italia Che Cambia, hanno partecipato a un evento inserito nella ricca programmazione di Sicani Creative Festival. Ecco il loro racconto dell'esperienza vissuta, che affonda le proprie radici nella voglia di riscoprire i valori storici e culturali dell'isola trasformandoli nelle fondamenta di un futuro più lento, consapevole e sostenibile.

Agrigento, Sicilia - 7 comuni sicani, 7 mostre laboratorio, 10 concerti, 8 caffè filosofici, 7 installazioni di street art, 8 passeggiate “Vaneddi Vaneddi”, 2 passeggiate naturalistiche, 2 incontri sul futuro e “Living Lab Sicani”. Questo il programma di Sicani Creative Festival, uno dei progetti vincitori dell’avviso pubblico ‘Borghi in Festival’ promosso dalla Direzione Generale Creatività Contemporanea del Ministero della Cultura che dall’11 al 26 settembre ravviverà i borghi sicani di Sant’Angelo Muxaro, Cianciana, Bivona, San Biagio Platani, Prizzi, Santo Stefano Quisquina, Alessandria della Rocca.

Il Sicani Creative Festival ha preso il via sabato 11 settembre con ‘A Platform for Change’, una mostra laboratorio prodotta da Farm Cultural Park e curata da Andrea Bartoli e Florinda Saieva, pionieri di un percorso di innovazione sociale che sta cambiando il volto della città di Favara. Da sabato mattina a domenica nei sette comuni sicani si è tenuto un incontro tra cittadini, amministratori e visitatori cha hanno partecipato ai workshop di co-progettazione a cura di Maurizio Carta con Augmented City Lab.

Obbiettivo dell’iniziativa: avviare un processo di rigenerazione dei territori e incoraggiare i cittadini a immaginare delle soluzione che possano rendere le loro città più belle. I partecipanti, tramite un lavoro di facilitazione, hanno condiviso le loro proposte come risposta a tre input: “Indicare un punto di forza della propria città, individuare un luogo sottoutilizzato, fornire un indizio del futuro, un’idea creativa”.

Sicani Creative Festival 1

Noi di Italia Che Cambia non potevamo mancare e insieme ad altre 50 persone, tra giornalisti, designer, progettisti e permacultori, siamo saliti a bordo di un bus in un viaggio di scoperta di questi luoghi poco conosciuti, ma animati da un grande fermento e una grande voglia di rinnovamento.

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

Contribuisci all’informazione libera!

Mentre la gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i meravigliosi cambiamenti in atto del nostro paese, noi abbiamo scelto di farlo con un’informazione diversa, autentica, che sia d’ispirazione per chi vuole veramente attivarsi per cambiare le cose. 

Per farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Attivati anche tu per cambiare l’immaginario!

Abbiamo incontrato gli abitanti di questi borghi, soprattutto molti giovani, desiderosi di tornare a ‘ripopolare’ e vivere i loro luoghi di origine per realizzare progetti virtuosi e innovativi. È stato un crescendo di bellezza, accoglienza, confronto e voglia di migliorarsi.

Un sentimento in linea con quanto ha dichiarato Florinda Saieva di Farm Cultural Park: «Cultura, creatività e impresa per rigenerare i territori dei Sicani in modo non convenzionale. Sicani Creative Festival è una kermesse che non è solo un Festival d’arte, una rassegna letteraria, musicale o teatrale, ma è una vera e propria compilation culturale, una collisione tra generi diversi e spettatori diversi che si incontrano nei magnifici Borghi dell’entroterra siciliano».

Sicani Creative Festival 7

L’apertura del Sicani Creative Festival è stata preceduta da una fase che ha visto la partecipazione attiva dei giovani dei sette comuni coinvolti in un percorso di formazione finalizzato a promuovere e sostenere la qualità e le eccellenze dei territori, attivando e riscoprendo i vecchi saperi per reinterpretarli in chiave moderna e contemporanea. Perché è vero che le città cambiano se sono le persone a farle cambiare! Fondamentale il lavoro sulla consapevolezza, come ha sottolineato più volte nel corso di questi giorni Pierfilippo Spoto, altra grande anima del Sicani Creative Festival.

Tra le varie iniziative proposte dal Sicani Creative Festival figurano quindi Le Strade di Dedalo, con sette street artist della scena internazionale che realizzeranno un’installazione per ciascun borgo; una rassegna musicale itinerante ideata da Fausto Savatteri, Direttore Creativo di FestiValle, con artisti locali e internazionali; la mostra La Sicilia Fredda – il titolo prende spunto da Il cavaliere e la morte di Sciascia – all’eremo di Santa Rosalia a Santo Stefano Quisquina che racconta la Sicilia dei Monti Sicani.

E ancora: i caffè filosofici a cura di Giorgio Gagliano, Federica Montero e Maurizio Buraglia, le passeggiate vaneddi vaneddi con Pierfilippo Spoto e incontri sul futuro e Living Lab Sicani. Altri eventi si uniranno al ricchissimo programma che andrà avanti fino al 26 settembre e a cui siete tutti invitati a partecipare.

Tra i partner del Festival, oltre a Farm Cultural Park, anche Casa del Musical, FestiValle, Gal Sicani, Sikanamente, Val di Kam, Associazione Via delle Rondini.

Sicani Creative Festival 3
Foto di Creative Sicani Festival

Per noi di Italia che Cambia sono stati giorni di grande confronto e ispirazione grazie anche alla partecipazione alla seconda edizione di Urban Thinker Campus organizzata da PUSH e Farm Cultural Park venerdì 10 settembre, all’interno della meravigliosa cornice del Riad di Farm. Abbiamo parlato di come il giornalismo può ispirare il cambiamento, di imprese che cambiano, di rigenerazione urbana, formazione e creazione di comunità. Un tavolo di confronto per trovare soluzioni innovative che rispondano alle sfide economiche, ambientali e culturali a cui stiamo andando incontro. Con noi erano presenti South Working, Ecoistituto Siciliano, Augmented City Lab UNIPA e Axe Counsulting di Boston.

Ci auguriamo di raccontarvi presto sulle pagine di Italia che Cambia tutti i progetti nati in questi giorni nelle menti e nei cuori di queste comunità desiderose di realizzare il cambiamento. Buon lavoro a tutti noi!

Vuoi cambiare la situazione
dell'abitare in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
Rebecco: ecco come rinasce un antico borgo

Ritorno sui monti naviganti: un viaggio lungo la spina dorsale dell’Italia
Ritorno sui monti naviganti: un viaggio lungo la spina dorsale dell’Italia

Grazie agli abitanti del borgo nasce un parco naturale per ripopolare la montagna

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Pitaya: «Realizzo assorbenti lavabili per diffondere consapevolezza e sostenibilità»

|

Te Araroa: un viaggio per sé stessi e gli altri oltre i propri limiti

|

Marta: donne e antiproibizionismo per il futuro della canapa italiana

|

Emporio di comunità: il progetto che promuove riuso e solidarietà fra le valli

|

La facilitazione cambia le imprese: TARA racconta nel podcast strumenti ed esperienze di trasformazione

|

Milarepa, il collettivo che recupera i muretti a secco liguri

|

Vinokilo, il mercato circolare di abiti usati venduti al chilo