Pubblicati da WWF

L’Europa ha consumato tutte le proprie scorte di pesce

Siamo solo a luglio ma l’Europa ha già esaurito tutte le proprie scorte di pesce per il 2019 e a partire da questo momento è dipendente dalle importazioni. Se per gli europei la notizia è negativa, per il mercato italiano è ancora più sconcertante. È quanto denuncia il WWF invitando i consumatori ad adottare comportamenti di acquisto responsabili.

Dal nord una storica richiesta contro l’inquinamento da plastica

Danimarca, Finlandia, Islanda, Norvegia e Svezia per primi al mondo hanno chiesto formalmente un trattato globale per affrontare la crisi generata dall’inquinamento da plastica nei nostri oceani. Il WWF chiede un trattato vincolante che stabilisca obiettivi nazionali e meccanismi trasparenti estesi al mondo della produzione e delle imprese.

Il Tribunale di Reggio Calabria condanna i bracconieri

Catturavano fino a 300 volatili al giorno per alimentare il traffico illegale di avifauna. Grazie all’azione dei Carabinieri, alle segnalazioni di WWF e CABS e all’operato del Tribunale di Reggio Calabria, i bracconieri sono stati assicurati alla giustizia.

Lo sfruttamento degli oceani minaccia l’umanità

Il WWF mette in evidenza il legame tra la pesca insostenibile e la sicurezza alimentare ed economica di milioni persone nel mondo. 800 milioni di persone sono infatti a rischio per lo sfruttamento delle risorse degli oceani, tra gli ambienti più sfruttati del Pianeta. “È solo attraverso un consumo responsabile che si potranno proteggere i mari contro l’uso indiscriminato delle risorse naturali e tutelare le comunità”.

Agricoltura: “I soldi pubblici sostengono chi inquina”

In agricoltura chi inquina viene pagato. La quasi totalità delle sovvenzioni europee e nazionali viene destinato infatti all’agricoltura che usa pesticidi e fertilizzanti sintetici. Al biologico, che copre quasi il 15% delle superfici agricole italiane, va meno del 3% dei finanziamenti europei e nazionali. È quanto emerge dal Rapporto “Cambia la Terra. Così l’agricoltura convenzionale inquina l’economia (oltre che il Pianeta)”.

1 agosto, Earth Overshoot day: un pianeta non basta

È appena iniziato il mese di agosto e abbiamo già consumato tutte le risorse naturali a disposizione per il 2018. è quanto comunica il WWF nel giorno dell’Earth Overshoot day, il giorno del sorpasso. Secondo gli esperti con questo stile di vita avremo bisogno di 1,7 pianeti.