Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
25 Gen 2017

Un bando per diffondere le antiche cultivar

Scritto da: Daniela Bartolini

Un bando del Parco per favorire la biodiversità e la diffusione di antiche cultivar locali da frutto, di specie forestali e giovani piante di abete bianco innestate con marze prelevate dalla foresta monumentale della Verna.

Il vivaio forestale di Cerreta, all’interno del Parco Nazionale, nella foresta di Camaldoli, è uno dei fiori all’occhiello del Casentino. Un impianto storico che secondo “Il Registro Storico della foresta demaniale inalienabile di Camaldoli” risale addiruttura all’anno 1881 e in cui oggi si producono piantine per gli imboschimenti, i rimboschimenti e per i miglioramenti ambientali, nonché piante per uso ornamentale e per la produzione di frutta. Si producono piantine adatte alle zone della montagna appenninica quali abete bianco, aceri, castagno, carpini, ciliegio, douglasia, faggio, frassini, noce, ontani, olmi e specie quercine; specie arboree e arbustive autoctone quali biancospino, ginestre, maggiociondolo, orniello, rosa canina, salici, sorbi, destinate al recupero di ambienti degradati e alla loro rinaturalizzazione. E si riscoprono, valorizzano e conservano antiche varietà locali di frutti a rischio di estinzione.

Per questo a Cerreta si adottano metodi di coltivazione tradizionali che richiedono un’accurata lavorazione del terreno e limitano l’uso di prodotti chimici che possono avere un impatto ambientale. La raccolta dei semi viene fatta direttamente prelevando il materiale tra le migliori piante madri autoctone, con la raccolta di marze e successivo innesto.

Vuoi cambiare la situazione
dell'agricoltura in italia?

ATTIVATI

Il nuovo bando è riservato alle aziende agricole, con vincolo di messa a dimora all’interno dei confini del parco nazionale (province di Arezzo, Firenze e Forlì-Cesena), con un minimo di dieci e un massimo di cinquanta piante ciascuna. La concessione sarà gratuita per le piante disponibili: melo (57 cultivar), pero (36 cultivar), ciliegio (14 cultivar), pesco (2 cultivar), susino (6 cultivar), cotogno, nespolo comune, mandorlo, nocciolo e noce nazionale.
I titolari delle aziende interessate dovranno far pervenire (a mano, per posta, corriere o PEC) la richiesta all’Unione dei Comuni Montani del Casentino, via Roma 203, 52014 Ponte a Poppi (AR), indirizzo PEC: unione.casentino@postacert.toscana.it).
L’istruttoria amministrativa sarà effettuata dall’Unione dei comuni montani del Casentino in collaborazione con l’ente Parco.
La concessione delle piante sarà effettuata dando priorità alle aziende iscritte all’elenco regionale degli operatori biologici.

“Questo progetto, che recupera e favorisce la diffusione di antiche specie di grande pregio agronomico e nutrizionale abbandonate nel corso del ‘900 per fattori contingenti, investe sulla biodiversità dell’area protetta. Ma articola anche un tema cardine dello sviluppo sostenibile: la finalità di conservazione, tra le mission di tutte le riserve del mondo, diventa opportunità per le realtà imprenditoriali del territorio”. Luca Santini, presidente del Parco nazionale.

Informazioni sull’iniziativa e la disponibilità di piantine potranno essere chieste al responsabile del vivaio Cerreta (Fabio Ciabatti, fabiociabatti@casentino.toscana.it, tel.0575. 507283) e agli uffici dell’ente Parco nazionale (Alessandro Fani, 0575 503030; alessandro.fani@parcoforestecasentinesi.it).

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

La rabbia afroamericana e Trump vs. Twitter – Io Non Mi Rassegno #148

|

E ora parliamo di educazione sessuale senza tabù

|

Tutti insieme per ripensare l’educazione: nasce Scuola Costituente!

|

Quali sinergie per un domani sostenibile? Una diretta resistente su ambiente e futuro!

|

Cittadini stranieri aprono le porte di casa e invitano i vicini a gustare le cene dal mondo

|

Riusciremo a fare a meno della plastica? – A tu per tu#3

|

I cinque studenti dell’isola di Alicudi e la resilienza delle piccole scuole

|

Il futuro di eventi e festival musicali? Ripartiamo dalla sostenibilità!