Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
8 Mag 2020

Il turismo potrà ripartire? Sul desiderio di ricostruire e le prospettive incerte

Scritto da: Annalisa Jannone

La cooperativa Oros da anni promuove cultura operando nel turismo e nei servizi di tutela e di informazione ambientale. Questa crisi sta rischiando di far perdere un patrimonio sociale, culturale ed economico al territorio Casentinese. Gli enti locali sono chiamati a sostenere le realtà che compongono il tessuto lavorativo del turismo di qualità.

La Cooperativa Oros opera da quasi venti anni sul territorio casentinese. È una piccola società costituita da tre socie, tutte e tre guide ambientali, alcuni dipendenti e molti collaboratori, consolidata nel tempo e soprattutto nel territorio. Si occupa di educazione ambientale, servizi di informazione e promozione turistica, realizzazione di eventi e gestione delle strutture turistiche lungo gli itinerari delle escursioni come castelli e musei. 

Cooperativa Oros

Chiedo a Patrizia Rosai, una delle tre socie, come stia vivendo questo periodo: «Per ora è tutto azzerato; quello che avevamo messo in campo è quasi tutto impraticabile e le prospettive sono molto incerte.  Lavoravamo sia con progetti nelle scuole che fuori ad esempio organizzavamo i campi estivi, facevamo educazione ambientale, organizzavamo eventi culturali promuovendo la mobilità sostenibile e abbiamo partecipato alla messa in rete di numerose strutture ricettive culturali e ambientali».

Vuoi cambiare la situazione
del viaggiare in italia?

ATTIVATI

Quindi progetti articolati, costruiti nel tempo, nati dalle connessioni con i diversi soggetti della zona. Bellissimo il racconto delle colonie residenziali estive, lunghi 3 mesi, nella Foresta Casentinese oppure i campi di Volontariato Internazionale nei parchi.

«Stiamo già facendo una progettazione per questa estate tenendo conto della sicurezza e del distanziamento, ma al momento le direttive sono contrastanti, c’è l’esigenza di collocare i figli se si lavora ma contemporaneamente sembra impossibile mantenere le misure precauzionali con i più piccoli.

Ad esempio abbiamo pensato di poter lavorare in luoghi aperti, in piccoli gruppi; qui i luoghi sono bellissimi e favorevoli. Ma il gioco ha bisogno di aggregazione e contatto fisico. L’istinto dei bambini dovrà essere snaturato e bisognerà scegliere attività adatte a questa situazione».

Dal punto di vista economico non so come faremo; di solito le guide ambientali formano gruppi di 20 persone, così è possibile mantenere un prezzo accessibile a tutti. Ma ora dovremo fare piccoli gruppi e molte famiglie non sono più in grado di permettersi una escursione; senza un intervento del ministero e delle regioni le famiglie non ce la faranno».

Cooperativa Oros

Si parla di turismo di prossimità ma molto andrà ricostruito e ci vorrà del tempo per le ripercussioni economiche.

Chiedo a Patrizia se le amministrazioni locali della zona, così coesa e piena di reti che in questi hanno hanno fatto fiorire il territorio, stanno dando segnali di riorganizzazione: «Alcuni enti locali per ora stanno lanciando dei bandi legati a servizi culturali basati solo sull’offerta economica al ribasso, quindi senza contare chi nel territorio ci lavora da anni, chi è parte del tessuto sociale, chi si è impegnato in questi anni per valorizzare i luoghi. Se l’unico parametro è il prezzo al ribasso stai svalutando la qualità e le risorse umane del territorio anche se sei inattaccabile e trasparente nelle procedure. Non ti stai prendendo la responsabilità di inserire una componente soggettiva di valutazione. Invece io penso che ora è il momento di investire tutti, mettendoci la faccia, sulle nostre ricchezze e la qualità dei servizi offerti».

È importante ripartire dal proprio territorio e dalle sue risorse. Il Casentino è un esempio di grande capacità di sinergie, di costruzione di reti, dalla gestione dei musei al volontariato, dall’organizzazione di eventi fino all’associazionismo e alle reti solidali e di consumo critico. 

Se gli enti locali non credono nei soggetti locali che in questi anni hanno lavorato sul territorio si rischia un fallimento. 

Patrizia incita al coraggio ma ripartire da zero è faticoso, anche psicologicamente. «Non conosciamo piani B nel nostro settore, sono difficili da individuare, c’è molta incertezza. Eppure abbiamo voluto lanciare un segnale proponendo già dei campi estivi per quest’anno. Se i genitori lavorano rimane il problema di come collocare i figli».

Con Patrizia viene una riflessione: cambieranno le esigenze di tutti, anche le nostre. Sarà utile capire quali siano le reali necessità per poi riorganizzarsi necessariamente attorno a queste.

«Se prima i miei figli adolescenti erano pieni di cose da fare, di attività, avevano i minuti contati ora si sono adattati e sono comunque sereni. Erano davvero utili tutti questi impegni?»

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Surgisphere e gli studi sull’Idrossiclorochina – Io Non Mi Rassegno #152

|

Allevatori che ballano coi lupi (e coi cani da guardiania)

|

Il progetto R2020: intervista a Sara Cunial

|

“Cambio vita e coltivo canapa industriale”: Francesco Procacci e il suo ritorno alla terra

|

Altipiano: le maestre del bosco che in cinque mesi hanno ribaltato la loro scuola – Scuola che Cambia #2

|

Che cos’è e come funziona la nutripuntura

|

Adotta il tuo Orto, scegli quali verdure seminare e aspettale a casa!

|

Imprese: come stringere partnership vincenti ed evitare clamorosi errori