5 Dic 2019

La fine della crescita? – Io Non Mi Rassegno #30

Primi contrasti alla Cop25 di Madrid, con i delegati dell’Arabia Saudita che mettono in discussione l’esattezza della scienza climatica e le basi stesse degli accordi. Intanto il Guardian pubblica un articolo sul nuovo report della European Environmental Agency in cui si mette in dubbio che la crescita economica sia il principale fine da perseguire per l’Unione europea. Siamo alle soglie di una svolta?

Podcast:

Articoli

#Cop25 #clima

Italian Climate Network – È tempo di agire: ha inizio la Cop dell’ambizione climatica
Il Meteo – COP25, emergono i primi contrasti
Ansa – Clima, Italia sesta nel mondo per vittime dal 1999
The Guardian – Climate models have accurately predicted global heating, study finds

#EEA #crescita economica
The Guardian – Don’t pursue economic growth at expense of environment – report

#Ilva
AdnKronos – Arcelor Mittal, 4700 esuberi nel 2023

#Mes
La Stampa – L’Ue: il fondo salva-Stati non si tocca. Sì al rinvio ma solo per i dettagli tecnici

#Conte #Trump
La Stampa – Conte smentisce Trump sul 5G. ​​​​​​​L’Italia non rinuncia a Huawei

#Cina
La Stampa – Sorvegliare e punire, Xi contro gli uiguri. La Camera Usa: “Mettere sanzioni al regime”
Valori – La Cina e il carbone: un matrimonio letale che mina la guerra al climate change 

#Unicredit #carbone
Valori – Unicredit dice addio al carbone. Ma anche a 8.000 lavoratori 

#plastica
The Guardian – Plastic pollution kills half a million hermit crabs on remote islands 

#Nato
Internazionale – Tre presidenti che fanno scricchiolare la Nato e l’ordine mondiale

#eredità
Internazionale – Cos’è l’eredità di cittadinanza e come può ridurre le disuguaglianze 

La sola rassegna stampa che non segue l’agenda setting! 

Questa rassegna stampa dal lunedì al venerdì vi tiene informati su quello che succede nel mondo, scegliendo liberamente di non seguire le logiche dell’informazione mainstream. 

È gratuita e disponibile per tutti grazie al contributo di chi crede nel nostro giornale. Fallo anche tu, diventa un attivista digitale e aiutaci a costruire ogni giorno un’informazione diversa, senza filtri, autentica. 

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un'informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace


Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Colombia, polizia fuori controllo – Io Non Mi Rassegno #364

|

Caso o destino? Storia di un ritorno nella Calabria Che Cambia

|

La battaglia di Claudia per salvare le acque curative dalle speculazioni

|

Eticoscienza, per un’etologia applicata alle nuove sfide ambientali

|

Plogging: un gruppo di amiche contagia l’intera città

|

Cose che dovreste sapere (e nessuno vi dice) sul trasferirsi in campagna

|

Riutilizzo sociale dei beni confiscati alla mafia: l’Italia fa scuola

|

Stella Pulpo: Memorie di una vagina, ieri, oggi e domani – Amore Che Cambia #5