12 Ott 2020

La guerra fra Armenia e Azerbaigian di cui si parla poco – Io Non Mi Rassegno #228

Il conflitto in Nagorno-Karabakh, la regione al confine fra Azerbaigian e Armenia, si fa sempre più duro. La tregua voluta da Mosca è durata solo un giorno dopodiché sono ricominciati gli scontri nella regione contesa. Capiamo cosa succede. Intanto in Argentina sorgono baraccopoli come sintomo delle nuove sacche di povertà legate alla pandemia. Poco più a Nord, negli Usa, infiamma il dibattito pre-elettorale. Trump le tenta tutte per recuperare lo svantaggio che i sondaggi attribuiscono da Biden, nonostante debba rinunciare al secondo dibattito. A conferma del clima particolarmente teso nel Michigan è stato sventato un rapimento ai danni della governatrice democratica del paese. Parliamo infine del bonus mobilità, che verrà reso operativo dal 3 novembre.

Articoli:

#conflitto Azerbaigain-Armenia
Euronews – Esclusivo: Euronews nella zona del conflitto in Nagorno Kharabakh
Euronews – Nel Nagorno-Karabakh la tregua non regge. Ancora bombardamenti su Stepanakert

#Usa
il Post – Trump non è più contagioso, dice il suo medico personale
Euronews – Mille afroamericani per Trump alla Casa Bianca
il Post – Il prossimo dibattito tra Biden e Trump è stato cancellato
Wired – Una milizia armata progettava il rapimento della governatrice del Michigan

#Dpcm
il Post – Cosa si dice del nuovo Dpcm

#bonus bici
il Post – Dal 3 novembre si potrà chiedere il bonus mobilità

#Covid
il Post – Com’è finita a Wuhan

#Argentina #baraccopoli
il Post – L’enorme baraccopoli alla periferia di Buenos Aires

#crisi alimentare
Internazionale – Prepariamoci alla crisi del mercato alimentare

#finanza sostenibile
Valori – Finanza sostenibile: le nuove regole Ue ai blocchi di partenza

La sola rassegna stampa che non segue l’agenda setting! 

Questa rassegna stampa dal lunedì al venerdì vi tiene informati su quello che succede nel mondo, scegliendo liberamente di non seguire le logiche dell’informazione mainstream. 

È gratuita e disponibile per tutti grazie al contributo di chi crede nel nostro giornale. Fallo anche tu, diventa un attivista digitale e aiutaci a costruire ogni giorno un’informazione diversa, senza filtri, autentica. 

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un'informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace


Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Il Cile è pronto a rivoluzionare la costituzione! – Io Non Mi Rassegno #371

|

Ossa forti e in buona salute per tutta la vita

|

Fondo Forestale Italiano: compriamo boschi per salvarli dall’abbattimento

|

La ‘ndrangheta non è un alibi, la Calabria può cambiare

|

Jonida Xherri e la sua arte partecipata che unisce i popoli

|

Il ciclo mestruale e il ciclo della vita. Un miracolo che si ripete ogni mese – Amore Che Cambia #5

|

Ammàno: “Torno in Calabria per fare il contadino”

|

Lo sviluppo delle aziende nella transizione ecosostenibile