19 Giu 2018

Migranti: mentre si chiudono i porti, c'è chi apre le case

Scritto da: Redazione

Negli ultimi giorni ha registrato un picco di iscrizioni l’associazione Refugees Welcome Italia che promuove l’accoglienza in famiglia dei rifugiati. Un bel segnale ed una risposta significativa alle posizioni di chiusura espresse dal nuovo Governo rispetto al fenomeno delle migrazioni forzate.

“Vorremmo fare qualcosa di concreto per aiutare chi è in difficoltà. Crediamo sia giusto per chi, come noi, vive in un paese meno svantaggiato di altri e che attraversa una fase storica in cui il senso di umanità sembra essere smarrito. Speriamo davvero di poter, nel nostro piccolo, fare la differenza”.

 

Questo è uno dei tanti messaggi che Refugees Welcome Italia ha ricevuto negli ultimi giorni, a dimostrazione di come una parte della popolazione italiana si sia mobilitata al cospetto delle posizioni di chiusura culturale – prima ancora che politica – espresse dal nuovo Governo italiano rispetto al fenomeno delle migrazioni forzate.

Foto di Refugees Welcome Italia

Foto di Refugees Welcome Italia


Nella settimana appena trascorsa Refugees Welcome Italia ha rilevato un incremento sensibile di registrazioni sulla piattaforma www.refugees-welcome.it, tanto da parte di famiglie disponibili a ospitare un rifugiato, quanto da parte di aspiranti attivisti, che vogliono unirsi ai team territoriali o dare avvio a un nuovo gruppo. Negli ultimi otto giorni è stato registrato un aumento di oltre l’80% nelle iscrizioni, con circa 40 nuove famiglie pronte ad aprire le porte a chi scappa da guerre, persecuzioni, povertà.

 

Il prossimo progetto potrebbe essere il tuo!

Ogni giorno parliamo di uno dei migliaia di progetti che costellano il nostro paese. Vorremmo raccontarne sempre di più, mappare tutte le realtà virtuose, e magari anche la tua, ma per farlo abbiamo bisogno che ognuno faccia la sua parte.

Vorresti leggere più contenuti come questo? 

Articoli come quello che hai appena letto sono gratuiti e aperti, perché crediamo che tutti abbiano il diritto di rimanere informati. Per questo abbiamo scelto di non nascondere i nostri contenuti dietro paywall, né di accettare contributi da partiti o aziende compromesse. Per continuare a farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Fai la tua parte, aiutaci a costruire un’informazione sempre più approfondita.

“Anche se dai recenti sondaggi pubblicati sui quotidiani nazionali vengono evidenziate elevate percentuali di coloro che sono pienamente in linea con le dichiarazioni del Governo italiano, l’analisi dei nostri dati racconta un’altra Italia, che è pronta a mettersi in prima linea per contribuire a un diverso modo di accogliere e sostenere l’inclusione nella società italiana. Un bel segnale in vista della settimana del rifugiato iniziata ieri” , dichiara Fabiana Musicco, Presidente di Refugees Welcome Italia.

 

Refugees Welcome Italia, che propone un modello di accoglienza fondato sulla cittadinanza attiva, prosegue le sue attività di sensibilizzazione e diffusione dell’accoglienza in famiglia e, nei prossimi giorni, sarà presente in diverse città: da Milano a Roma, passando per Torino, Palermo, Macerata. E proprio a Macerata è partita in questi giorni una nuova convivenza, l’ultima in ordine di tempo: Michele, 41 anni, ha deciso di aprire le porte di casa a Sadaqat, titolare di protezione sussidiaria pakistano. Arriva così a 90 il numero di convivenze attivate nei due anni e mezzo di attività in Italia dell’associazione.

 

 

 

 

Articoli simili
Giocherenda: per un gruppo di migranti il gioco è diventato uno strumento di riscatto e inclusione
Giocherenda: per un gruppo di migranti il gioco è diventato uno strumento di riscatto e inclusione

Dal Burundi alle Marche: Eddy insegue il suo sogno che profuma di caffè
Dal Burundi alle Marche: Eddy insegue il suo sogno che profuma di caffè

“Camminiamo come i bruchi, che si trasformano in farfalle”
“Camminiamo come i bruchi, che si trasformano in farfalle”

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

La teoria dell’evoluzione va ripensata? – #556

|

“La Calabria ci riguarda”. #maipiùstragi, la prima manifestazione nazionale contro la ’ndrangheta a Milano

|

Dal Veneto alla val di Vara: la storia di Maria e del suo richiamo alla vita contadina

|

Settevoci, la comunità rurale nata in un casale diroccato nella campagna siciliana

|

Lo spreco d’acqua e la dispersione delle reti idriche: abbiamo un problema

|

Al lavoro con la natura: racconto di un convegno itinerante fra arte, cultura e ambiente

|

Campo e sincronicità: come creare la propria vita con consapevolezza imparando a cogliere certi segnali

|

Hortus, l’orto urbano aeroponico che insegna a ridurre il consumo dell’acqua