Gabriele Giannetto

Manager, disc jockey e sognatore di professione. Dopo aver conseguito una laurea triennale in Economia e Amministrazione aziendale a Palermo, intraprende un lungo viaggio tra l’Australia e l’Asia svolgendo piccoli lavori e vivendo a stretto contatto con le comunità locali. Il suo peregrinare lo riporta nella sua città natale, Palermo, dove inizia a lavorare come manager sanitario presso il C.E.M., Centro Emodialitico Meridionale. Affascinato dai progetti di innovazione sociale frequenta i corsi MEMIS, economia, management e innovazione sociale presso l’Università Sapienza di Roma. Nel 2018, dopo le continue stragi che si consumano nel mar Mediterraneo, sente la necessità di approfondire il complesso fenomeno migratorio partecipando ad un Master in Management dei Servizi di Accoglienza per migranti, richiedenti asilo e profughi all’Università di Firenze. Al termine del master partecipa, da volontario, al progetto “Sans Papiers” presso il circolo Arci Porco Rosso di Palermo. In quel periodo, durante un corso residenziale a Panta rei, ecovilaggio situato in Umbria, di fronte allo splendido lago trasimeno, conosce la redazione di Italia Che Cambia, con la quale inizia a collaborare. Grande appassionato di musica: seleziona, colleziona e ascolta vinili, soprattutto di musica africana e brasiliana. Insieme ad alcuni amici organizza eventi musicali con l’acronimo CSS.

Il Parlamento Ue inserisce gas e nucleare nella tassonomia verde – #557

|

Impariamo dai bambini come espandere la nostra creatività e i nostri orizzonti

|

Mo.fe’ Boutique, il negozio d’abbigliamento che si sposta in bicicletta

|

“Piantiamo alberi in periferia per contrastare la crisi ambientale e coinvolgere dal basso la cittadinanza”

|

Radice Sicula: così GianLuca recupera piante da frutto antiche e dimenticate

|

Torna il Festival delle Cose Belle, per costruire nuovi modelli di comunità ispirati al passato

|

“La Calabria ci riguarda”. #maipiùstragi, la prima manifestazione nazionale contro la ’ndrangheta a Milano

|

Dal Veneto alla val di Vara: la storia di Maria e del suo richiamo alla vita contadina